Chiara Civello, voce jazz

Chiara Civello, romana di nascita, ma con sangue siculo, e precisamente modicano (il padre Ignazio Massimo è modicano, trapiantato a Roma per lavoro), pubblica il nuovo disco, dal titolo “The space between”, e ritorna in Italia per promuoverlo. Si torna in Italia dagli Usa dove vive e compone le sue musiche, sotto l’occhio e soprattutto l’orecchio attento del grande Burt Bacharach,  con un paio di date importanti: una a Roma all’auditorium, giorno 22 settembre, e l’altra data proprio a Modica, lunedì 24 settembre.

Il maestro Bacharach l’ha definita “la migliore cantante jazz della sua generazione” ed ha tutte le carte in regola per diventare una grande star.

Per chi vuole seguire il suo concerto a Modica, tutti al cine Aurora alle ore 21 di lunedì 24 settembre.

Per un assaggio musicale ascoltate il brano tratto dal suo primo album “Last Quarter Moon”
http://marcelloguarrasi.myblog.it/media/01/01/2ec718d05a637a590d9951692530dc8f.wma

Chiara Civello, voce jazzultima modifica: 2007-09-21T20:24:22+00:00da magu1955
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Chiara Civello, voce jazz

  1. per amicafragile:
    ben ritrovata anche tu; è da un pò che non vedevo tuoi blog(sempre belli come contenuti e immagini).
    La veste grafica del blog è una di quelle standard di “alice”; sto invece cercando di dare una impronta nuova al sito.
    Per quanto riguarda Chiara Civello, se domani sera ti trovi dalle parti di Roma, la potrai vedere all’Auditorium-Parco della Musica. Le canzoni contenute nel nuovo album riprendono per certi versi il titolo dell’album stesso (The sapce between – spazio tra…… le note, due elementi, due persone), Una musica non solo come progressione di note ma anche di silenzi. Lo strumento base del secondo album è la chitarra (nel primo: Last quarter moon – lo strumento per eccellenza era il pianoforte) In una recente intervista rilasciata alla Repubblica, dichiara di aver guardato indietro agli anni ’60 e 70(in particolare a quel filone tra jazz e bossanova degli anni ’60, con melodie italiane mista all’armonia profonda della musica brasiliana che a sua volta pesca nelle profonde radici africane. ciao a presto. magu1955

I commenti sono chiusi.